News

18/ 04/ 2019


All'appello per le cuffie wireless risponde anche Microsoft

Nome in codice Morrison, gli auricolari sono pronti a sfidare Apple


Il mercato delle cuffie in-ear, quelle piccole e pratiche, quelle pensate per perfezionare al meglio l'ascolto, minimizzando il disturbo e azzerando il rumore inizia a conquistare proprio tutti.
L'ultimo a fare capolino è Microsoft, pronto a lanciarsi nell'impresa titanica di fronteggiare la supremazia di giganti come Apple che hanno fatto delle loro Air Pods un cavallo di razza vincente.
Il colosso di Redmond, infatti, sarebbe al lavoro proprio sulle cuffiette smart a marchio Surface che dovrebbero sbarcare sul mercato nel novembre prossimo.
La notizia al momento assume i tratti di un'indiscrezione a tutti gli effetti lanciata dal sito Thurrot.com. Il portale avrebbe captato alcune parole sfuggite da casa Microsoft da cui è emerso in modo abbastanza evidente quale sia il progetto su cui sono all'opera in quel di Redmond.
Il modello, nome in codice Morrison, proprio come Jim Morrison, il compianto frontman dei The Doors, dovrebbe riguardare, appunto, delle cuffie in-ear che andrebbero ad affiancare quelle over-ear già prodotte da Microsoft. Questa è la moda del momento e un'azienda come Microsoft non può certo restare indietro lasciando che siano gli altri i soli protagonisti.
Le cuffiette in cantiere dovrebbero, oltre a fare al meglio il loro lavoro, riducendo al minimo il rumore esterno per un ascolto che sia il più possibile immersivo, anche integrare l'assistente vocale Cortona per garantire il massimo dell'immediatezza nel loro utilizzo.
Microsoft è l'ultimo in ordine di tempo ad entrare nel mercato delle cuffie wireless: prima di lui a dare filo da torcere ad Apple ci hanno pensato altri colossi, come Google, Samsung e Huawei. Gli attacchi della concorrenza al colosso di Cupertino arrivano come sempre da più parti. D'altronde la tecnologia indossabile è un settore in continua e repentina crescita, che segna un più 27,5% su base annua. Piace al mercato che la premia con circa 172,2 milioni di unità vendute nel mondo.
Questo incredibile risultato è in buona parte imputabile proprio al successo del comparto auricolari, un device che sembra essere diventato irrinunciabile per le orecchie del mondo.
Microsoft sfonderà con le sue cuffie in-ear? Chi ha avuto modo di provarle in anteprima riferisce di un prodotto notevole, dall'ottima realizzazione e dal suono più che apprezzabile. Resta qualche dubbio sulla scelta estetica: dai primi scatti reperibili in rete le cuffiette non spiccano per originalità, ma c'è tempo per dar loro carattere, quel carattere che di certo a casa Microsoft non manca.

La Redazione